CONFRONTI SUL MONDO DEI LIBRI · Letture profonde · Libri da compagnia · Menù · Mondo dei Libri · RECENSIONI · Romanzi

“Guardrail” di Eva Clesis / Recensione

Buongiorno amati lettori. La settimana sta volgendo al termine, ma noi non molliamo e anche oggi vi subite un’altra delle mie recensioni!

Resistete… ancora una domani – rispettivamente “Autonomous” e poi vi lascio in pace per un pò. Infatti non pubblicherò fino – almeno – al prossimo giovedì o venerdì, ma non vi do una conferma perchè potrei prolungare tutta settimana e sicuramente non sarò presente dopo capodanno.

Penso che comunque anche voi andrete in vacanza o vi riposerete e quindi di tempo per leggere il blog non ne avrete, pertanto penso sia la cosa meglio per tutti. Riprenderò regolarmente – SICURO – lunedì 8 gennaio, con il primo articolo del nuovo anno. Io sono già emozionata al pensiero! Comunque su Instagram posterò, quindi le mie letture le troverete sia lì che sul blog (nella parte del “Cosa sto leggendo” alla destra del blog se guardate da pc o in fondo se vi connette da cellulare).

Tempo di vacanze e di partire, e allora oggi recensisco “Guardrail”, un racconto intenso e maturo, una ragazza tosta che appronta le sfide della vita sempre a testa alta, sbagliando e maturando nella sua semplicità e ingenuità.

Aspetto le vostre opinioni e ringrazio l’editore per la copia.

TITOLO: Guardrailcop-Gnew

AUTORE: Eva Clesis

EDITORE: Las Vegas Edizioni

COSTO&PAGINE: 11,90 euro – 152 pagine

DOVE ACQUISTARE: http://amzn.to/2D6WqNi

TRAMA: Alice ha sedici anni, è orfana, mezza inglese, vive in un paesino del Sud e ha un piano. Quello di fuggire dalla dispotica nonna paterna, che utilizza il terrore come politica educativa, da un’amica snob e traditrice, da un amore senza speranza e dalla scuola che non le perdona i suoi problemi con la lingua italiana. Con cinquecento euro in tasca, decide di fare l’autostop e scappare verso le sue origini. E qui inizia l’avventura on the road, a bordo di una macchina guidata da un tizio misterioso che non la vuole accontentare, fino al rovesciamento della storia e persino dell’identità dei personaggi, con un colpo di scena che spiazza ed emoziona.

COSA NE PENSO:

Assunzione Maria Addolorata de Caro, ribattezzata il giorno del suo settimo compleanno in Alice, è una bambina figlia di madre inglese e padre italiano. Le sue giornate trascorrono in modo quasi surreale in mezzo a due genitori forse un po’ troppo giovani e distratti, circondata da poche certezze: la lingua madre britannica che le appartiene e il suo più caro amico; il libro di Alice nel Paese delle Meraviglie, da cui appunto si ispira per il proprio nome.
"They used to call me the Midnight Girl, because I would always work straight through the night. Or they were just being racist."

È proprio come Alice di Wonderland, dopo la morte prematura dì entrambi i genitori e l’affido a una nonna paterna apatica e scostante, anche la nostra protagonista si ritrova a vivere in una realtà che non le appartiene, dispersa in un paesino del Sud con persone che parlano únicamente italiano e la guardano storto per il suo strano accento e gli errori grammaticali.

La crescita di Alice si fa sempre più complicata per le incomprensioni con i compagni, il rapporto difficile con la nonna, le delusioni di cuore per un ragazzo che non la considera minimamente e una serpe velenosa come amica del cuore. Inoltre la stessa Alice è una ragazzina dal carattere deciso e piccante,non esita a rispondere se ne ha l’occasione e non si tira mai indietro.
Mi è molto piaciuto come l’autrice l’abbia resa forte in una vita di disgrazie e dolore. Alice non piange, Alice non si lamenta, Alice si limita a deglutire il boccone amaro e tirare avanti. È una ragazza che da un lato si ama per la sua ironia e la sua ingenuità e dall’altro fa irritare per i suoi atteggiamenti e la sua impulsività. È una protagonista completa, che porta con sé una vita di delusioni e tradimenti. È tutto quello che le rimane – come difesa? come semplice e pura ripicca? – è la vendetta. E lo fa con tutti; non risparmia nessuno, proprio come l’autrice del descriverci ogni personaggio. Rende tutti estremamente umani e a tratti detestabili.
UORoadTrip: UO Blog | BDG Stone Bleach Mom Jeans via @frauke_hagen #UrbanOutfitters #UOEurope #UORoadTrip

Si vivono a pieno tutte le emozioni intensissime che si impossessano di Alice, cresciamo e sbagliamo con lei. La sosteniamo, la rimproveriamo, ci affezioniamo a quel piccolo essere sensibile che si è inevitabilmente indurito per le crudeltà delle persone. Tant’è che quando si arriva verso il finale, quasi ci si rilassa, sperando che Alice trovi i suoi nonni e viva finalmente il suo “happy end”; e invece questa non è una fiaba, e la poverina si ritrova nell’ennesimo problema, con un’altra persona sbagliata accanto e una tragica situazione dai mille colpi di scena finali da mozzare il fiato,lasciando l’agoniante dubbio al lettore se Alice riuscirà o meno a farcela una volta nella vita e raggiungere la tranquillità, incerta fino alle ultimissime righe.

La scrittura è veloce, divertente, intensa. Un vortice di sentimenti contrastanti, un mondo che si vive appieno con la nostra protagonista e la sua crescita che in qualche modo ci segna nel profondo. Quando si chiude il libro si rimane un attimo interdetti ed è questo il bello. Bisogna metabolizzare il racconto, perché è qualcosa di forte, di particolare. Forse è il significato che c’è un filo di speranza anche per le vite più ardue e le persone più disagiate, o forse che invece, talvolta, bisogna sapersi accontentarsi di quello che la vita da – o non da -. Una protagonista incredibile in un libro importante, da leggere con la giusta attenzione e il giusto trasporto. E alla fine Alice diventa una piccola e preziosa presenza che, quando si termina la lettura, manca.

 

Una risposta a "“Guardrail” di Eva Clesis / Recensione"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: